Elisa e Luca Vi danno il benvenuto a Todiguide :il loro sito di  guide turistiche autorizzate di Todi e delle altre città dell'Umbria.


Per informazioni e prenotazioni di tour e visite guidate ti preghiamo di compilare in tutte le sue parti questo modulo di contatti.
Per contattare direttamente le guide chiama ai seguenti numeri di cellulare

Elisa Picchiotti :389 4246262 oppure 347 3856278

Luca Antonini:340-2554846

Grazie da Todiguide

Info
Martedì 25 Lug 2017
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default style
  • green style
  • red style
You are here: Home Todi a Tavola La Pizza sotto al foco

TODIGUIDE :guide turistiche autorizzate

Le guide turistiche a Todi

cartella-testo

 

Spesso si considera la guida turistica una spesa superflua. Niente di più errato. Perchè nessun libro , nessuna guida cartacea  o multimediale vi saprà guidare  alla conoscenza di luoghi , usi e costumi meglio di una guida turistica autorizzata . Le storie , gli aneddoti , i sapori della nostra regione , i consigli dove trovare i negozi giusti per gli acquisti di artigianato locale  . Tutto questo può offrirvelo solo  una guida autorizzata come Luca ed Elisa.

La Pizza sotto al foco PDF Stampa E-mail
Scritto da Elisa   
Venerdì 30 Marzo 2012 13:37

A casa mia, già da quando ero piccola, almeno una volta a settimana si cenava con la “pizza sotto al foco”. A Todi si chiama così, ma la trovate anche in giro per l'Umbria con altri nomi: la crescia, la torta al testo...

La nonna o la mamma tiravano fuori la grande tavola di legno e la pulivano con un canovaccio. Poi si preparava una montagnetta di farina con il buco in mezzo: il piccolo cratere si colorava tutto d’oro quando ci si versava dentro il saporito olio extra vergine delle nostre zone, mentre le cime del cratere venivano  insaporite da una leggera spolveratina di sale fino.

Nel frattempo si stiepidiva un “bricchetto” (pentolino) di acqua e poi si versava l’acqua calda nel cratere di farina. Rigorosamente con la mano si mescolava il tutto, allargando man mano il cratere raccogliendo la farina tutto intorno, lasciandone sempre di meno (l’impasto liquido deve essere girato molto, così la pizza verrà più morbida). Ad un certo punto, quando la farina sul bordo era quasi finita, la si univa tutta all’impasto liquido e ce se ne aggiungeva altra finchè non si arrivava ad ottenere un impasto che si poteva poi lavorare a lungo sulla tavola (schiacciarlo, girarlo, sbatterlo ecc…) .

Poi si spargeva una manciata di farina al centro della tavola, ci si metteva sopra la palla di pizza e con un ”ansagnolo” (mattarello) si stendeva la pasta (non troppo fina!).

La mia nonna poi la cuoceva sulla piastra della “stufa economica”, quella con sopra tutti i cerchi di ghisa e sotto la parte dove si bruciava la legna; la mia mamma invece la cuoce su una grossa piastra che mette nel camino con sotto i carboni, oppure sul “testo” direttamente sul fornello (ma è decisamente meglio nel camino!).

Quando la pizza era cotta al punto giusto, la si metteva sulla tavola e con un grosso coltello a punta la si tagliava a pezzi e ogni pezzo veniva spaccato in due e farcito a piacere… SALSICCE ARROSTO ED ERBE è la farcitura più consigliata; altrimenti PROSCIUTTO CRUDO NOSTRANO , da solo o accompagnato da qualche fettina di CACIOTTA DI NORCIA.

Questo procedimento lo ricordo benissimo perché da bambina era uno dei miei “giochi” preferiti! La nonna mi faceva sempre mettere a lato della tavola e mi faceva fare la mia mini-pizza: oggi invece è la mia mamma che fa mettere i miei figli a lato della tavola…e la tradizione si ripete!

Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Aprile 2012 09:48
 
 Italian  English French (Fr)

Contattaci!!

ELISA
- Cell. 389 42 46 262

LUCA
- Cell. 340 255 48 46

Seguici anche su...

  • guide turistiche umbria
  • Facebook: todiguide
  • Pinterest: VisitUmbria
  • Google+: Elisa Picchiotti
  • YouTube: labottegamagica
  • Flickr: photos/62070766@N08/sets/
  • Linked In: pub/elisa-picchiotti/34/123/731
  • Foursquare: https://it.foursquare.com/todiguide
  • instagram: http://instagram.com/todiguide

Visite guidate a Palazzo Pongelli

visite guidate a palazzo pongelli

Visite guidate al Palazzo Vescovile

palazzo vescovile todi
la casa dipinta

Todi tra arte e storia

stemma di todiLa città di Todi ha una storia millenaria. Dagli Umbri ai Romani , tutti hanno lasciato tracce in questa piccola realta' urbana dell'Umbria centrale. Todi e' il posto giusto per partire alla scoperta dell'Umbria. Ma prima scopriamo Todi con le interessanti guide di Luca ed Elisa
Leggi tutto...

vini e sapori umbri

umbria saporiL'Umbria è terra generosa di vini pregiati e sapori genuini .
In questa sezione le guide di Todi ti consigliano le strade del vino e dell'olio per  trovare l'autenticità del made in umbria.
Leggi tutto..knob_play_green

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information