Elisa e Luca Vi danno il benvenuto a Todiguide :il loro sito di  guide turistiche autorizzate di Todi e delle altre città dell'Umbria.


Per informazioni e prenotazioni di tour e visite guidate ti preghiamo di compilare in tutte le sue parti questo modulo di contatti.
Per contattare direttamente le guide chiama ai seguenti numeri di cellulare

Elisa Picchiotti :389 4246262 oppure 347 3856278

Luca Antonini:340-2554846

Grazie da Todiguide

Info
Giovedì 17 Ago 2017
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default style
  • green style
  • red style
You are here: Home La prigionia

TODIGUIDE :guide turistiche autorizzate

Le guide turistiche a Todi

cartella-testo

 

Spesso si considera la guida turistica una spesa superflua. Niente di più errato. Perchè nessun libro , nessuna guida cartacea  o multimediale vi saprà guidare  alla conoscenza di luoghi , usi e costumi meglio di una guida turistica autorizzata . Le storie , gli aneddoti , i sapori della nostra regione , i consigli dove trovare i negozi giusti per gli acquisti di artigianato locale  . Tutto questo può offrirvelo solo  una guida autorizzata come Luca ed Elisa.

Jacopone in prigionia PDF Stampa E-mail
Scritto da Luca Antonini   
Lunedì 21 Dicembre 2009 18:36
In questa lotta per la riforma nella Chiesa gli ambienti vicini allo Spiritualismo francescano, furono ovviamente contrari fin da subito alla nomina di questo Papa, avvenuta in maniera almeno alquanto misteriosa e in sostituzione di una figura loro vicina come quella di Celestino.

Perciò finirono con l’accordarsi con i Colonna, non meno furiosi contro la famiglia Caetani, da cui proveniva lo stesso papa Bonifacio VIII, con i quali erano venuti in lotta per il possesso di alcune località e che si erano furbamente proclamati difensori degli Spirituali.

Anche poi in Europa, specialmente in Francia con Filippo il Bello, sempre per motivi politici più che religiosi, si stava creando un clima ostile a Bonifacio VIII

L’accordo tra gli Spirituali ed i Colonna fu ratificato il 10 maggio 1297 nel Manifesto di

Lunghezza: in esso veniva dichiarata illegittima l’elezione al seggio papale di Bonifacio VIII, perché era stata estorta con l’inganno, e si chiedeva la convocazione di un nuovo conclave per eleggere il vero papa.

Il Manifesto di Lunghezza è probabilmente l’unico documento certo sulla vita di Jacopone, in quanto, poiché reca la sottoscrizione del testimone presente alla stesura del testo, che è “frater Jacobus Benedicti de Tuderto”, proprio il nostro Jacopone.

La reazione di Bonifacio VIII fu spietata: scomunicò i due cardinali, Giacomo e Pietro Colonna, la “dannata stirpe del loro dannato sangue”. Poi, per eliminare fisicamente i suoi nemici, promosse addirittura una crociata contro di loro. Anche in quell'epoca, una decisione così grave e mossa inizialmente solo da interessi patrimoniali, provocò grande scandalo.

Persino nella Divina Commedia, Dante Alighieri scrive che Bonifacio conduceva una guerra nella sua stessa Roma, non interessandosi invece della più urgente lotta contro gli infedeli musulmani per la liberazione della Terrasanta.

Come i Colonna, Jacopone fu colpito da scomunica; con loro si rifugiò a Palestrina assediata per quasi diciotto mesi dalle truppe del papa, < un anno e mezzo > scrisse Jacopone.

Nel settembre del 1298 il castello fu conquistato; i beni dei Colonna furono confiscati e divisi tra la famiglia del papa e la famiglia degli Orsini, nemica dei Colonna.

Jacopone fu incatenato e condotto a Todi e fu condannato ad una prigionia perpetua, nei sotterranei del convento di San Fortunato.

Le sofferenze fisiche potevano essere tollerate, ma la lontananza dalla comunità cristiana, la scomunica per l'appunto, era per il frate un tormento senza fine.

Dal carcere Jacopone scrisse a Bonifacio lettere drammatiche fra l'ironia e la sua fierezza, mostrando esplicitamente di non aver mutato idea su Bonifacio VIII, supplicandolo però di liberalo dalla scomunica in cambio di altre pene corporali.

Nemmeno l’evento eccezionale del primo grande giubileo del 1300 e la “grande perdonanza” coinvolsero Jacopone, poiché Bonifacio VIII non lo sciolse dalla scomunica e lo fece rimanere a languire nell'orrido sotterraneo.

Nel 1303 Bonifacio VIII morì e il nuovo papa Benedetto IX lo liberò dalla prigionia e gli tolse la

scomunica. Jacopone, ormai vecchio e stanco, si ritirò in un convento francescano nei dintorni di Todi, probabilmente il convento di san Lorenzo, a Collazzone, dove si seguivano rigidamente gli insegnamenti di San Francesco, e probabilmente un tempo vicino alle istanze Spirituali.

 

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 21 Dicembre 2009 19:46
 
 Italian  English French (Fr)

Contattaci!!

ELISA
- Cell. 389 42 46 262

LUCA
- Cell. 340 255 48 46

Seguici anche su...

  • guide turistiche umbria
  • Facebook: todiguide
  • Pinterest: VisitUmbria
  • Google+: Elisa Picchiotti
  • YouTube: labottegamagica
  • Flickr: photos/62070766@N08/sets/
  • Linked In: pub/elisa-picchiotti/34/123/731
  • Foursquare: https://it.foursquare.com/todiguide
  • instagram: http://instagram.com/todiguide

Visite guidate a Palazzo Pongelli

visite guidate a palazzo pongelli

Visite guidate al Palazzo Vescovile

palazzo vescovile todi
la casa dipinta

Jacopone da Todi : una guida

Una guida su Jacopone da Todi
scritta da Luca Antonini
jacopone
clean 20per20 la vita

Todi tra arte e storia

stemma di todiLa città di Todi ha una storia millenaria. Dagli Umbri ai Romani , tutti hanno lasciato tracce in questa piccola realta' urbana dell'Umbria centrale. Todi e' il posto giusto per partire alla scoperta dell'Umbria. Ma prima scopriamo Todi con le interessanti guide di Luca ed Elisa
Leggi tutto...

vini e sapori umbri

umbria saporiL'Umbria è terra generosa di vini pregiati e sapori genuini .
In questa sezione le guide di Todi ti consigliano le strade del vino e dell'olio per  trovare l'autenticità del made in umbria.
Leggi tutto..knob_play_green

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information