Welcome in Todiguide, the website of Elisa and Luca: the only two Authorized Regional Guide which live in Todi.

For information and booking, please contact us by using the contact form or by calling the following numbers:

Elisa Picchiotti :+ 39-389 4246262 or + 39-347 3856278

Luca Antonini: + 39-340-2554846

Thank you very much!

Info
Monday 29 May 2017
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default style
  • green style
  • red style
You are here: Home Trekking Urbano Todi 1°

NEWS

Todiguide
There are no translations available.

gude in umbria

Trekking Urbano 1 PDF Print E-mail
Written by Elisa   
Tuesday, 08 February 2011 11:21
There are no translations available.

RIONE BORGO-PORTA PERUGINA

Questo primo itinerario vi porterà alla scoperta del quartiere più settentrionale di Todi: percorrendo strette strade e caratteristici vicoli vi immergerete in un'atmosfera fuori dal tempo, tra il silenzio di chiese e monasteri e l'assenza totale di attività commerciali.

PIAZZA DEL POPOLO
Punto di partenza sarà la nostra meravigliosa piazza, fiore all'occhiello di noi tuderti. (Vedi Itinerario Classico)
VIA SAN LORENZO-PIAZZA DEL MONTARONE
Attraverso Via San Lorenzo si raggiunge in pochi minuti l'antica Piazza del Montarone, cosi chiamata a causa....
Caratterizzata dai resti di un possente muro di epoca umbro/etrusca, è però soprattutto famosa per essere stata teatro di un evento assai importante per la storia di Todi e della persona convolta: il Rogo della Strega Matteuccia nel 1428(Vedi BOX Approfondimento).
CHIESA DI SANTA PRASSEDE*
Si imbocca poi la strada principale, Via di Santa Prassede, che ha come suo fulcro la piazzetta con l'omonima chiesa dedicata a questa Santa che visse a Roma nel I sec. e fu sorella di Timoteo, il discepolo di San Paolo, e di Santa Pudenziana.
La chiesa attuale risale al 1320, anno in cui gli agostiniani cominciarono a  ricostruirla a posto della struttura già preesistente ( probabilmente risalente all'inizio del XII sec. ). Figura carismatica che guidò gli agostiniani in quel periodo fu il Beato Simone Rinalducci da Todi, che, dopo aver predicato in tutta Italia, morì nel 1322 nel convento di San Giacomo Maggiore a Bologna.
L'interno della chiesa, totalmente trasformato fra il XVII e il XVIII sec., è ricco di opere d'arte. Di particolare interesse è la tela raffigurante la Deposizione, attribuita al pittore belga Hendrick De Clerk (ca. 1570-1629 ). Il parroco Don Vincenzo Faustini ci racconta con orgoglio che nel 1860 gli agostiniani, che erano stati cacciati dal convento, prima di partire si recarono alla chiesa per prendersi la tela, ma non ci riuscirono perché gli abitanti di Borgo durante la notte murarono la porta d'ingresso! Una menzione particolare va alla raffigurazione dell'Estasi di Santa Rita da Cascia ( tela attribuita al pittore Giacinto Brandi, 1623-1691 ) che tanto affetto suscita nei cuori dei tuderti, essendo S. Rita una delle sante umbre più amate in Italia. Per questo motivo proprio presso la chiesa di S. Prassede si celebra il 22 maggio di ogni anno la festa di Santa Rita con u<na piccola “pesca” di beneficenza e la distribuzione di rose benedette durante la santa messa.
MONASTERO DI SAN FRANCESCO E AFFRESCO DEL PURGATORIO DI SAN PATRIZIO
Superando Porta Santa Prassede e scendendo ancora lungo Via Borgo Nuovo, senza dimenticare di sbirciare nei caratteristici vicoletti che si aprono a spina di pesce lungo la strada principale, si giunge al Monastero e Chiesa di San Francesco. La struttura è abitata dalle Clarisse e per questo motivo l'entrata in chiesa è possibile soltanto dalle ore 9:00 alle ore 11:00, festivi esclusi. L'interno della chiesetta è frutto di un restauro eseguito nel 1729: a sinistra dell'altare maggiore si apre una grata dalla quale è possibile vedere il coro del monastero e sulla parete di fondo l'affresco chiamato “Purgatorio di San Patrizio”. L'opera, definita dal Grondona “l'opera figurativa di maggior interesse che Todi conservi” ( cfr. Todi storica ed artistica, di C. e M. Grondona, pag.258), è datata al 1346 ed è la prima raffigurazione pittorica della montagna del Purgatorio con le sette caverne dove le anime  scontano i sette vizi capitali,per ascendere poi in Paradiso. Ci sono ad intercedere per loro non solo la Vergine Maria, ma anche San Filippo Benizi, appartenente all'ordine dei Servi di Maria, morto proprio in questo monastero il 22 agosto del 1285 e copatrono della città ( vedi Chiesa di San Filippo Benizi, itinerario 3).


CHIESA DELLA SS. ANNUNZIATA*
Poco più avanti sono il monastero e la chiesa della SS. Annunziata, gestiti dalle monache Servite.
Di particolare interesse la pala d'altare con un ' Annunciazione di metà del XVIII sec. , opera di Corrado Giaquinto.
CHIESA DI SANT'ELIGIO
Proprio in fondo alla strada si trova la piccolissima chiesa di Sant'Eligio, costruita probabilmente all'inizio del XIII sec., visto che la parte destra della facciata è coperta dal muro della porta Perugina, eretta nella prima metà del 1200. Cambiò più volte nome (Santa Croce, Sant'Angelo...)  finchè nel 1776 fu ceduta alla Corporazione dei Fabbri che la intitolò al suo patrono protettore, il vescovo francese Sant'Eligio.
PORTA PERUGINA, TORRIONE* E BASTIONE
Più comunemente detta da noi tuderti Porta di Borgo, la Porta Perugina ( prima metà del XIII sec. )era il punto d'accesso in città per chi proveniva da Perugia, e quindi da nord, o d'uscita per chi vi si doveva recare.
E' di sicuro la meglio conservata fra quelle che ancora oggi si aprono lungo il terzo cerchio di mura ed anche la più possente, vista la vicinanza di altre due strutture difensive: a destra un torrione e a sinistra un bastione, entrambi costruiti nella prima metà del XVI sec.
Sempre Don Vincenzo racconta che i due baluardi erano collegati da un passaggio superiore e di comune accordo le guardie a difesa della porta decidevano se far passare chi chiedeva il permesso di accesso in città. In particolare il Bastione è da sempre stato luogo di aggregazione per gli abitanti del quartiere: il piazzale superiore , circondato da piccole e graziose casette, è una splendida terrazza panoramica ed è stato ripavimentato da poco. Proprio sul Bastione l'attuale Università dei Fabbri, che dal 2002 gestisce di nuovo la chiesa di Sant'Eligio, organizza la festa per il suo patrono che viene ricordato l'ultima domenica di agosto ( la festa prevede di solito una celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo, la vendita di torchietti al formaggio, la visita al torrione e una cena all'aperto ).
VIA DI FIRENZUOLA
Per risalire verso Piazza del Popolo imbocchiamo la Via di Firenzuola che a destra costeggia le mura del monastero della SS. Annunziata e a sinistra è costellato di piccoli orti e giardini.
VIA DEL TEATRO ANTICO
Una volta immessi di nuovo in Via Santa Prassede, dopo aver percorso qualche metro lungo Via Cesia cominciamo a salire per le scalette di Via del Teatro Antico che, come dice anche il nome, è stata realizzata seguendo l'andamento delle mura dell'antico teatro romano.

* Questi luoghi non sono solitamente aperti. Per la visita occorre chiamare le persone preposte al compito: per un aiuto, informazioni, numeri telefonici e visite guidate potete contattare Todiguide.com
Last Updated on Tuesday, 08 February 2011 11:29
 

visite guidate a Orvieto

visite guidate orvieto

I Tour ad Orvieto

 Italian  English French (Fr)

Contattaci!!

ELISA
- Cell. 389 42 46 262

LUCA
- Cell. 340 255 48 46

Seguici anche su...

  • guide turistiche umbria
  • Facebook: todiguide
  • Pinterest: VisitUmbria
  • Google+: Elisa Picchiotti
  • YouTube: labottegamagica
  • Flickr: photos/62070766@N08/sets/
  • Linked In: pub/elisa-picchiotti/34/123/731
  • Foursquare: https://it.foursquare.com/todiguide
  • instagram: http://instagram.com/todiguide

Visite guidate a Palazzo Pongelli

visite guidate a palazzo pongelli

Visite guidate al Palazzo Vescovile

palazzo vescovile todi
la casa dipinta

Todi tra arte e storia

stemma di todiLa città di Todi ha una storia millenaria. Dagli Umbri ai Romani , tutti hanno lasciato tracce in questa piccola realta' urbana dell'Umbria centrale. Todi e' il posto giusto per partire alla scoperta dell'Umbria. Ma prima scopriamo Todi con le interessanti guide di Luca ed Elisa
Leggi tutto...

vini e sapori umbri

umbria saporiL'Umbria è terra generosa di vini pregiati e sapori genuini .
In questa sezione le guide di Todi ti consigliano le strade del vino e dell'olio per  trovare l'autenticità del made in umbria.
Leggi tutto..knob_play_green

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information